Irina nel mondo

Irina è una giovane donna romena con l’animo della viaggiatrice. Nata e cresciuta a Bucarest, viaggia da quando aveva 9 anni. Canta in un coro da 20 anni e ha fatto molti dei suoi primi viaggi grazie a quest’ultimo.

“Ho iniziato a viaggiare per divertimento, ma la verità è che ancora dopo 20 anni, ogni tanto sento una vocina dentro di me che mi dice di uscire dal mio paese; è una specie di sveglia interna che suona per dirmi di andare a conoscere culture diverse, cose e persone nuove. A volte, preferisco gli stranieri ai Romeni e ho l’impressione, quando sono in viaggio, che un giorno magari mi sveglierò in un posto nuovo, senza neanche capire una parola della lingua del paese in cui mi trovo”, dice quando le viene chiesto perché viaggia.
“Perché dici di preferire alcuni stranieri ai Romeni?”, sono curiosa di scoprirlo, perché mi sono trasferita in Romania da 2 anni e mi sento già a casa. “Beh, quando vai all’estero le strade sono pulite, la gente non è così triste; il cielo non è come il Romania. Quando viaggio in aereo, capisco subito quando sto sorvolando la Romania: il cielo è grigio e sporco, pieno di nuvole. Quando ho sorvolato il Giappone, per esempio, potevo vedere perfettamente il paesaggio sotto di me”.

Irina

Irina

Irina ha viaggiato in Svizzera, Francia, Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Germania, Belgio, Svezia, Grecia, Stati Uniti; ha visitato l’Italia e la Sardegna ed è perfino stata in Giappone. “E’ stato bello farlo; avevo risparmiato dei soldi prima, oppure lavoravo nei posti che visitavo: in Grecia, ho lavorato per tre mesi come fotografa nell’isola di Rodi, per esempio, e questo mi ha procurato le risorse finanziarie per viaggiare, zaino in spalla, per l’Europa per tre mesi”.
I suoi viaggi non sono stati disapprovati dalla sua famiglia, anzi; sua madre, ad esempio, ha gridato di gioia quando Irina ha annunciato a lei e a suo padre che si sarebbe trasferita in Grecia per un po’. “Mio padre non esprime facilmente i suoi sentimenti, quindi in realtà non so cosa abbia davvero pensato”. In ogni caso, Irina è stata prudente “No autostop, niente cose estreme”.

Irina fa i bagagli

Irina fa i bagagli

Che cosa ama di più quando è all’estero? “Camminare, perdermi nel centro di una città, godermi lo scenario intorno a me, esplorare e immergersi nell’atmosfera del posto… e i bei caffè!”, dice, e cita i suoi posti preferiti: Budapest, Parigi e Praga, il giardino di Budda in Giappone, e Berggarten, il giardino botanico pieno di orchidee ad Hannover, in Germania. Si è affezionata alle persone che l’hanno ospitata: una famiglia Romena a Bruxelles e una famiglia Svedese a Stoccolma, per il loro stile di vita e la loro ospitalità. Non potrà mai dimenticare la famiglia Americana incontrata a Salt Lake City. Ha molto apprezzato gli Svedesi e dice, sorridendo, “il tempo era freddo, ma la gente no”.
Irina ha anche qualche consiglio per i viaggiatori: innanzitutto, bisogna conoscere i propri limiti. “Una persona che viaggia dovrebbe sapere in che modo preferisce viaggiare e anche se vuole viaggiare con un amico, o averne uno ad aspettarla a destinazione. Un amico è una destinazione, un’ancora”. Lei crede che ognuno abbia delle aspettative prima di ogni viaggio, ma il punto è vedere se riusciamo a realizzarle.

Le scarpe

Le scarpe

“E adesso voglio andare a pianificare il prossimo viaggio”, sussurra mentre si alza per andarsene. Interessante, perché il suo viaggio più affascinante fatto di recente è stato in Transilvania, dove ha deciso di trasferirsi.

[crp]

Autore

Anastasia Karouti (Grecia)

Studi/Lavoro: Lingua e Letteratura Inglese, Traduzione, Educatrice, Trainer, Traduttrice, Pittrice L ingue: Greco, Inglese, Romeno

L’Europa è….. il mio nido, il mio punto di partenza, il luogo dove mostrare il mio potenziale; L’Acropolis e la fantastica della Transilvania

Blog: caramelisedfruits.tumblr.com

Traduzione

Laura Barberis (Italia)

Studi/Lavoro: Teorie e tecniche della mediazione interlinguistica

Lingue: Italiano, Inglese, Spagnolo e Francese livello base

Author: mariana

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php