In cucina con la nonna (e la mamma): Macedonia

Da un piccolo pezzo di terra, situato al centro della regione Balcanica, arrivano piatti tradizionali incredibilmente gustosi che dubito che qualcuno (Macedone o straniero) possa resistervi. Sono parte delle preziose eredità lasciate dalle nostre trisnonne, tramandate nei secoli da generazione a generazione.

Semmai la vita decidesse di portarti in questa bellissima terra, dove la tradizione incontra il moderno, dovrai assolutamente provare uno dei nostri deliziosi classici. Qualsiasi cosa tu scelga, ti assicuro non te ne pentirai.

Ma se non sei mai andato in Macedonia e sei desideroso di provare una delle nostre portate, allora sono qui per aiutarti.

Questo venerdì ho deciso di far visita a mia nonna e di cucinare con lei qualcosa di  „molto“ Macedone.

Cercherò di seguire la ricetta passo passo, nel miglior modo possibile. Spero questo vi incoraggi a provare „Il meglio della Macedonia“.

TAVCE-GRAVCE

Tavce-Gravce è uno dei nostri più antichi piatti tradizionali. Secondo la tradizione Macedone questo piatto dovrebbe essere cucinato ogni Venerdì a pranzo, senza eccezione.

Ecco la ricetta:

Ingredienti

200g fagioli bianchi di Spagna

1 cipolla

2-3 spicchi di aglio

1 pepe verde

1 cucchiaino di farina

1-2 cucchiaini di peperoncino in polvere (puoi anche usare del pepe dolce tritato nell’impasto)

1-2 cucchiaini di sale, pepe e menta (ognuno)

Olio

1. Risciacqua più volte i fagioli. Mettili in un pentolino con dell’acqua, aggiungi la cipolla, l’aglio e il pepe verde, e bollisci il tutto fino a quando I fagioli non si ammorbidiscono.

2. Adesso facciamo la salsa. Riscalda l’olio in una padella. Aggiungi il cucchiaino di farina e fallo friggere un po’. Aggiungi qualche cucchiaino di peperoncino in polvere, mescola e friggi ancora per qualche minuto. Nel frattempo scoliamo i fagioli. Condisci i fagioli con il sale, pepe e menta e successivamente aggiungi la salsa.

3.  I fagioli sono pronti per essere messi in forno. Arrangiali in una teglia da forno e cuocili fino a quando il liquido non evapora.

GJOMLEZE

Il Gjomleze ha origine nel sud-ovest della Macedonia. Si tratta di un grande e soffice “pasticcio” con una croccante crosta intorno. E’ ancora preparato come centinaia di anni fa; con un tradizionale utensile da cucina chiamato “sach” (сач). In questa ricetta usiamo il sach, ma può essere preparato anche in forno.

Ingredienti

2kg di farina

2l d’ acqua

3-4 cucchiaini di sale

1l d’ olio

Mescola la farina e l’acqua fino a formare una specie di densa brodaglia. Quando è stato ben mescolato aggiungi il sale. Il modo tradizionale per fare il Gjomleze consiste nell’accendere il fuoco per riscaldare il sach e cospargerci le roventi ceneri e il carbone sopra. Appena la teglia del sach è calda, cospargila d’olio. Succesivamente, aiutandoti con un mestolo, aggiungi un piccola quantità dell’impasto sulla teglia. Dopo pochi minuti, quando il primo strato si è cotto, aggiungi un altro strato e cospargi altro olio.

Fatto ciò, sistemiamo il caldo sach in cima alla teglia e aspettiamo qualche minuto.

(Se usi il forno: Cospargi una teglia o un piatto da forno con dell’olio. Usando un mestolo, versa un po’ d’impasto nella teglia, formando un sottile strato, e inforna.  Quando l’mpasto comincia a dorarsi, togli la teglia dal forno e ricospargila con uno strato d’olio. Poi versa un altro sottile strato di impasto in cima a quello e rimetti in forno.)

Questa procedura di stratificazione va ripetuta fino a quando non finisce l’impasto.

Quando tutto l’impasto si è cotto, tagliamo il Gjomleze diagonalmente in entrambe le direzione in modo da creare un effetto griglia, poi lo mettiamo ancora sotto il sach (o in forno, nel caso tu stia utilizzando questo) per farlo cuocere un po’ di più.

E alla fine… lo mangiamo in un sol boccone!

Dopo aver trascorso un giorno cucinando con mia nonna, sono tornata a casa, curiosa di sapere con quale piatto Macedone mia madre mi avrebbe stupito. Stava cucinando dei deliziosi peperoni ripieni con carne tritata.

Ecco a voi la ricetta:

Ingredienti

6 peperoni verdi

500g carne tritata

2 cipolle

1 carota

1 tazza di riso bollito

2 pomodori

Sugo o passata di pomodoro

Olio

Sale e pepe

Spezie (L’ideale sarebbe la Vegeta, una spezia dell’ Europa dell’est)

1. Taglia la cipolla e friggila con dell’olio. Aggiungi la carne e il riso.

2. Aggiungiamo in padella del sale, del pepe e delle spezie. Successivamente riempiamo I peperoni con l’impasto fritto.

3. Quando tutti i peperoni sono stati farciti, sigilliamo la parte superiore con un pomodoro.

4. Mescoliamo la passata di pomodoro con dell’acqua. Adagiamo i peperoni ripeni su di una teglia da forno e ci versiamo sopra il miscuglio fatto con sugo e acqua. Poi inseriamo la teglia nel forno pre-riscaldato e lasciamo cuocere il tutto per un’ora e mezza.

[crp]

Autore

Kristina Busheska (Macedonia)

Studi/Lavoro: letteratura e lingua francese

Lingue: macedone, serbo-croato, inglese, francese, spagnolo, un po’ di rumeno

L’Europa è… una dimensione culturale, uno stile di vita, la patria di grandi menti.

Twitter: @Miss_Busheska

Traduzione

Fabrizio Funari (Italia)

Studi/Lavoro: linguistica e scambi culturali: cinese, inglese // lavoro in una libreria inglese

Lingue: italiano, inglese, cinese

L’Europa è… un crogiolo di cultura, storia, saperi e diversi stili di vita, la patria dei filosofi greci e romani.

Traduzione

Elisa Cencig (Italia)

Studi/Lavoro: relazioni internazionali e studi europei

Lingue: italiano, inglese, tedesco, francese

L’Europa è… la patria di una varietà di culture e dello stile di vita migliore al mondo.

 

Questo articolo è tradotto anche in Bosanski - Hrvatski - Srpski, Deutsch, English, Français, Magyar, Polski, Română, Türkçe, [Main Site] e македонски.

Author: maria

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi